Vi aspettiamo martedì 28 novembre alle 19.45/20.00 per una chiacchierata con il traduttore e autore Nicola Manuppelli.

La vita ‘jazz’ di uno scrittore, editor e traduttore di letteratura americana e “personal reader”, fra riflessioni, episodi di vita quotidiana, chiacchierate, pezzi di libro, versi, appunti, riflessioni, in un viaggio “pop” nella letteratura USA e nella scrittura.

L’autore racconterà della sua ultima scoperta letteraria, Don Robertson, (Un uomo autentico, L’ultima stagione) edito in Italia da Nutrimenti Edizioni, e anche di molti, molti altri autori scoperti e importati dall’america e dall’Irlanda…

Nicola Manuppelli, scrittore e traduttore, Ha pubblicato racconti brevi e lunghi in varie antologie e lavorato come giornalista e autore per diverse riviste, fra cui D di Repubblica, Numèro, Vibrisse, Lampoon (dove tuttora cura la rubrica Life & Writers), Icon. È stato redattore della rivista e del sito Satisfiction, collaboratore dei magazine americani Xavier Review, Chicago Quarterly Review, Catamaran ed è traduttore e consulente editoriale per la casa editrice Mattioli ed editor di letteratura americana/anglofona per la casa editrice Nutrimenti.
Ha al suo attivo più di cento pubblicazioni, fra curatele, traduzioni e scritti propri. Sue traduzioni sono comparse su Il Corriere della Sera, Repubblica, Il Sole 24 Ore, La Stampa, oltre a interventi per diverse radio, fra cui Radio 2 e Radio Capital.
Da anni si occupa della scoperta e della traduzione di autori noti e meno noti della letteratura americana e irlandese. Ha tradotto e curato le opere di John Synge, Peter Beagle, Edgar Allan Poe, Scott Turow, T. Coraghessan Boyle, Frank Baum, Louisa May Alcott, Theodore Dreiser, Dean H. Howells, Francis Scott Fitzgerald, Langston Hughes, Elia Kazan, William Goldman, Chuck Kinder, Edith Wharton, Willa Cather, Nathanael West e i poeti William Butler Yeats, William Harris e Ed Field. Ha collaborato con diversi autori americani, fra cui Tobias Wolff, Peter Orner, Andre Dubus III, Chuck Kinder, Ed Field, Joyce Carol Oates, Dennis Lehane, Chuck Rosenthal, Jonathan lette.
Ha portato per la prima volta in Italia i lavori di Andre Dubus, Larry Brown, Don Robertson, Michael Harvey ed Ernest Gaines.

Quello che dice una cameriera e altre storie di Motel